Prestiti per dipendenti pubblici: l’insieme dei prestiti con agevolazioni finanziarie (riassunto)

by Appunti di economia on

Per un dipendente pubblico è più semplice poter usufruire di agevolazioni a causa del proprio datore di lavoro, ovvero lo stato italiano. Una particolare attenzione sarebbe da rivolgere verso i prestiti Inpdap (Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica), e nuove informazioni sulle tipologie di agevolazione potrebbero essere facilmente raggiunti per una lettura approfondita sul sito dell’inps.

All’interno del portale infatti vengono chiarite le tipologie di prestiti disponibili a tassi agevolati per dipendenti pubblici e le rispettive possibilità riguardanti anche la famiglia del lavoratore.

I due prestiti più rilevanti per dipendenti pubblici: il fondo di poste italiane e il fondo per l’assistenza magistrale

Alcune delle tipologie di prestito più diffuse in questo senso sono quella del piccolo prestito di gestione fondo credito poste italiane e del piccolo prestito gestione assistenza magistrale.

Nel primo caso parliamo di quell’insieme di prestiti di ridotta dimensione conseguentemente concessi ai dipendenti del gruppo di poste italiane (la società per azioni) e delle sue società collegate, a condizione che venga però ceduto il quinto dello stipendio; solitamente si parla quindi in questo caso di un prestito con durata stimata pari al massimo a quattro anni.

Nel caso del piccolo prestito gestione e assistenza magistrale invece si intende l’insieme delle somme che vengono fornire in prestito al personale scolastico italiano, come nel caso degli insegnanti e dei dirigenti delle scuole della repubblica italiana. Il tipo di prestito in questo caso prevede un limite massimo di importo pari a due mensilità dello stipendio; il numero massimo di rate possibili per questa tipologia di prestito è di 24 rate.

Altre forme di prestito verso dipendenti pubblici che potrebbe essere interessante approfondire per via delle loro corrispettive agevolazioni sono:

  • Il piccolo prestito di gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: si tratta di prestiti per dipendenti pubblici e per pensionati, di breve durata;
  • I prestiti in forma di anticipazione vecchio e nuovo fondo mutualità: si tratta di prestiti che sono forniti ai dipendenti pubblici che abbiano necessità legate a motivi di natura sanitaria o motivi legati alla famiglia come la morte di parenti stretti o la nascita di un figlio all’interno del proprio nucleo familiare.

Altre tipologie di prestito rivolte ai dipendenti pubblici con relative agevolazioni

Infine rimangono importanti da considerare anche i presiti a dipendenti ormai in pensione con la cessione del quinto della pensione stessa, i prestiti pluriennali diretti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, i prestiti di tipo pluriennali garantiti dalle prestazioni creditizie e sociali (viene fornito da società finanziarie o da istituti di credito che abbiano la corrispondente autorizzazione e viene garantito dall’INPS, che immunizza il rischio di decesso; tale prestito può essere restituito al massimo in dieci anni).

Per completare la propria visione nel panorama dei prestiti rivolti verso dipendenti pubblici e pensionati potrebbe essere una lettura consigliata la guida ai finanziamenti erogati dall’inpdap.

Written by: Appunti di economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *