Lo studio della redditività netta mediante il primo coordinato del roe

by Appunti di economia on

Il Roe è un indice fondamentale nell’analisi economica dei bilanci aziendali, la sua sigla sta per Return on equity e sta a significare quindi il ritorno d’investimento nel capitale proprio ovvero il rapporto:

RICAVI NETTI / PATRIMONIO NETTO

Il ROE è l’indicatore primario per lo studio della redditività netta dei soci; il roe indica infatti le redditività del capitale proprio  e deriva da rapporto tra il risultato netto (utile/perdita) e patrimonio netto: Rn/Pn.

Il ROE invece dipende da 2 gestioni, ovvero dalla gestione operativa e dalla gestione finanziaria. La gestione operativa si indica con ROIg e rappresenta la redditività degli investimenti aziendali (ROIg = Km).

La gestione finanziaria è invece rappresentata dal rapporto di indebitamento proprio della società e tale rapporto può essere indicato sia in forma diretta (Tn/Pn), sia in forma indiretta (Kn/Pn).

La forma diretta esprime la proporzione tra finanziamenti da terzi e finanziamenti propri.

FORMA DIRETTA ROI (gestione finanziaria) =

FINANZIAMENTI DI TERZI /FINANZIAMENTI PROPRI

La forma indiretta del ROI esprime la proporzione esistente fra finanziamenti da terzi e finanziamenti propri. Mentre la forma indiretta dice la proporzione esistente tra investimenti aziendali e finanziamenti propri.

Dunque il ROE si può esprimere come il risultante di 3 fattori:

ROE = (ROG/Investimento aziendale) x (Investimento aziendale/patrimonio netto) x (Risultato netto/Rog) =

ROE = Rog/km x km/Nm x Rn/Rog

Il primo fattore è il ROIg, il secondo è il leverage indiretto ed il terzo indica l’incidenza delle gestioni finanziaria, straordinaria e fiscale sull’utile. Tale prodotto è denominato il primo coordinato del ROE.

Supponendo che il primo ed il terzo fattore rimangano costanti, l’unico fattore variabile è il rapporto di indebitamento diretto. Siccome le attività posso finanziarle con cap proprio o con quello di terzi Km = Tn + Nn, per cui il rapporto diventa (Tn+Nn)/Nn, ovvero 1 + Tn/Nn.

Questo vuol dire che tale rapporto, e quindi anche il ROE, cresce al crescere del rapporto di indebitamento diretto. Per cui il ricorso al debito, in una maniera non esagerata, aumenta la redditività netta dei soci.

 

Written by: Appunti di economia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *